“Non aver paura di aver paura” – Alberta Basaglia – Ripartiamo da Basaglia

“Non aver paura di aver paura” – Alberta Basaglia – Ripartiamo da Basaglia

Alberta Basaglia, psicologa, con una lunga esperienza sulle tematiche legate al contrasto della violenza di genere e di tutte le discriminazioni, maturata a Venezia, con il lavoro alla guida del Centro donna e del Centro antiviolenza a partire dagli anni ’80. 
Del padre, Franco Basaglia, sappiamo tanto. Meno si è detto sulle donne della sua vita come la figlia Alberta e la compagna Franca Ongaro, a cui dedicheremo una puntata speciale come radio 32. Questa puntata diviene un’occasione per parlare di una rivoluzione che parte da un nuovo modo di vivere le relazioni e i rapporti anche in famiglia. Una rivoluzione in cui le donne hanno avuto un ruolo centrale. Per farlo, vi proponiamo alcuni stralci del libro ‘Le Nuvole di Picasso‘, in cui Alberta Basaglia racconta aspetti inediti e fondamentali di una storia che ha ancora molto da dire ed è ancora oggi poco digerita da buona parte della società. Una storia in cui emerge l’enorme valore che un approccio libero, aperto e tollerante in famiglia può avere nell’affrontare difficoltà o esigenze che ci rendono diversi dalla norma. Il ruolo della famiglia nell’ambito della nostra salute mentale diviene il tema di approfondimento per i nostri redattori Anita e Daniel, che attraverso la loro esperienza diretta, ci riportano all’oggi e all’attualità di questi temi, troppo spesso negati, dimenticati, banalizzati. Soprattutto in una società che non sa aver cura di chi soffre, fornendo risposte spesso disumane e coercitive, laddove servirebbe ascolto e comprensione. Anita e Daniel ci aprono lo sguardo all’enorme problema, attuale, della contenzione in psichiatria e della fondamentale importanza che la famiglia, soprattutto quando sostenuta da una rete esterna, può avere in queste situazioni. Buon ascolto.

Le nuvole di Picasso. Una bambina nella storia del manicomio liberato

“I bambini, solo conoscendo il senso delle cose, riescono a spiegarsele. E per capire chiedono, instancabili, sempre. Quando si regge lo stillicidio dei loro perché e ci si sforza di dargli le risposte che meritano, si arriva sempre al cuore delle questioni. La voglia di raccontare la storia già molto conosciuta, ma non ancora da tanti digerita, di Franco Basaglia, del manicomio liberato e del suo superamento, nasce proprio dalle domande dei più piccoli e dal tentativo di provare a ripercorrere fatti già noti con gli occhi e il cuore di una di loro, per darne una lettura inedita, unica e spudorata, quella cioè di chi non ha ancora sovrastrutture imposte da regole sociali. In questo lavoro hanno preso forma le parole per cercare di rispondere a quei tanti perché e per raccontare scampoli di vita della bambina che è stata dentro a quella rivoluzione. Bambina che nel frattempo è cresciuta e che spontaneamente ha fatto di quella esperienza la base per costruire la sua professione.”

Please follow and like us:
Pin Share