Sanità


  Nella puntata di oggi parliamo di Cannabis terapeutica come possibilità di cura e valida alternativa per affrontare in modo efficace determinate patologie. Ai nostri microfoni, il Dottor Pierangelo Cifelli, medico chirurgo e titolare di uno studio medico a Roma che si occupa di terapie con Farmaci contenenti molecole cannabinoidi tra cui CBD e THC, ottenuti dalla lavorazione della Cannabis. L’obiettivo del dottor Cifelli e dei suoi collaboratori è quello di limitare l’assunzione di farmaci canonici per il trattamento di alcune patologie, farmaci che in lunghe somministrazioni possono portare gravi compromissioni per la salute dei pazienti.   Per quali patologie […]

Cannabis terapeutica: cosa c’è da sapere



Abbiamo intervistato Catello Parmentola con uno scopo ben preciso: iniziare una ricognizione riflessiva e prospettica sulla funzione dello psicologo nei contesti di intervento, alla ricerca di prospettive che rendessero comprensibili pregi e difetti di questa figura professionale e della sua  funzione nei diversi contesti di cura. Il dott. Parmentola ha attraversato in maniera attiva la fase istituente della professione di psicologo,  partecipando alla stesura del codice deontologico a cui tutti noi psicologi facciamo riferimento  (sul sito dell’ ordine degli Psicologi della Campania è disponibile una versione ebook, aggiornata al 2018 del suo testo “la deontologia degli psicologi – clicca qui), […]

Riflessioni sul ruolo dello psicologo nei diversi contesti di cura. Intervista al dott. Catello Parmentola



  Giornata europea di azione contro la commercializzazione della salute   Nella data del 7 aprile, giornata mondiale della salute e giornata europea contro la commercializzazione della salute e la privatizzazione della sanità, parteciperemo e organizzeremo incontri, conferenze, dibattiti, momenti di mobilitazione per dire insieme che LA SALUTE È UN DIRITTO, E NON È IN VENDITA.   PER INSERIRE UNA INIZIATIVA NELL’AMBITO DELLA MOBILITAZIONE DEL 7 APRILE, UTILIZZARE IL FORM DEDICATO PRESENTE A QUESTA PAGINA (CLICK QUI) IN CALCE ALLA PAGINA ELENCO ADESIONI COLLETTIVE E PERSONALI PERVENUTE AL 18 marzo 2018 DICO 32! SALUTE PER TUTTE E TUTTI! UNA CAMPAGNA PER IL […]

DICO 32! SALUTE PER TUTTE E TUTTI! Una campagna per il diritto alla salute



  Intervista Gavino Maciocco Docente di Sanità Pubblica presso l’Università di Firenze Coordinatore blog online Saluteinternazionale.info Autore di diversi testi di Sanità Pubblica, tra i quali: Igiene e sanità pubblica. Manuale per le professioni sanitarie Le case della salute. Innovazione e buone pratiche La salute globale. Determinanti sociali e disuguaglianze Le sfide della sanità americana. La riforma di Obama. Le innovazioni di Kaiser Permanente Politica, salute e sistemi sanitari. Le riforme dei sistemi sanitari nell’era della globalizzazione   “La sostenibilità della sanità pubblica non è un problema economico ma politico e un sistema è sostenibile quanto vogliamo che lo sia”   documento conclusivo, commissione sanità gennaio 2018     La salute: una condizione essenziale per la crescita, troppo spesso sottovalutata  (documento conclusivo, commissione sanità)   L’Italia, così […]

La sostenibilità della Sanità Pubblica e la crisi economica. Intervista al prof. Gavino Maciocco



  In questa puntata commentiamo il rapporto conclusivo della commissione sanità in merito alla sostenibilità del servizio sanitario nazionale pubblico.   Sintesi dei principali punti   A. Il Servizio Sanitario Nazionale produce risultati di eccellenza, riconosciuti in ambito internazionale, con livelli di spesa sensibilmente inferiori a quelli dei maggiori paesi europei: consolidare tali risultati senza compromettere equità e qualità dei servizi deve costituire una priorità, soprattutto in tempi di crisi, dell’agenda politica dei prossimi anni. B. Gli italiani godono di una aspettativa di vita e di livelli di salute molto positivi, ai primi posti nelle graduatorie mondiali; criticità si rilevano in […]

“La sanità pubblica è sostenibile?” Il parere della Commissione Sanità



Comunicato stampa Cittadinanzattiva 12/12/2017    I cittadini vogliono curarsi nel servizio sanitario pubblico, perché si fidano di questo e non possono sostenere i costi di una assistenza privata. Ma fanno i conti con liste di attesa lunghe, costo elevato dei ticket e dei farmaci e con un’assistenza territoriale che, più del passato, registra carenze e disservizi.   A mostrarlo sono i dati del XX Rapporto PIT Salute di Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato, dal titolo “Sanità pubblica: prima scelta, ma a caro prezzo”, presentato oggi a Roma e realizzato con il sostegno non condizionato di IPASVI, FNOMCeO e FOFI. […]

XX Rapporto PIT Salute: cittadini stanchi di aspettare e mettere mano al portafoglio. Serve più ...



Parliamo dello stato di salute dei medici, o meglio della salute delle persone che vestono ogni giorno il camice. E ispiritati dal New England Journal of Medicine ci interroghiamo sulle possibili cause dei malesseri ‘contemporanei’ di cui soffrono i medici nella nostra società.     Per saperne di più   “I medici inglesi sono al massimo livello di frustrazione per le condizioni professionali attuali” New England Journal of Medicine Leggi il rapporto cliccando qui.   Fonte Cari colleghi, il medico del tempo che fu, non tornerà più “Quando il futuro è inaffidabile e la speranza svanisce nel timore dell’arretramento economico e […]

“Come stanno i medici? Abbastanza male” Negli USA un medico su 2 è in burn ...



Attualmente sono 52.846 i detenuti nelle carceri italiane. Di questi, dagli ultimi dati disponibili, i detenuti in carcere per reati di droga sono 18.312, di cui 6.355 stranieri (Fonte: West). Della relazione al Parlamento sulle tossicodipendenze in Italia presentata dal Dipartimento delle politiche antidroga della presidenza del Consiglio nel 2015, si stima che solo nel 2012 lo Stato ha speso ben 2,5 miliardi di euro per il contrasto e la repressione del fenomeno. Di questo budget, ben 1,19 miliardi sono spesi per i detenuti per droga: un detenuto su tre, infatti entra in carcere per la violazione dell’articolo 73 del Dpr 309/1990, il Testo Unico sulla droga (Fonte: sanità24). Se si considera che, in generale, i […]

CARCERE E TOSSICODIPENDENZA: IL PROIBIZIONISMO HA FALLITO?



I numeri nel Rapporto sulla salute mentale 2015 confermano l’urgenza di aprire una discussione pubblica importante: questi dati, infatti, sono allarmanti per la disomogeneità regionale, per l’esiguità delle risorse, per la crescita di una domanda che non trova le risposte oggi più che mai necessarie e possibili. Perché la sofferenza che attraversa i luoghi della psichiatria non può essere letta attraverso la sola prospettiva medica o sanitaria, come se i disturbi mentali non fossero strettamente connessi alla società, alla cultura, al reddito, al lavoro, al mondo in cui tutti siamo immersi. Se la depressione diviene un’epidemia ciò non può essere ridotto tout court ad un problema cerebrale […]

Rapporto Salute Mentale. Dietro questi dati un fenomeno troppo spesso dimenticato: l’esclusione sociale



“Nel processo della riduzione dell’infermità alla malattia, l’attenzione dei medici si è allontanata dal paziente come persona totale” F. Capra Prendersi cura della persona o della malattia? Può sembrare una domanda banale, ovvia. Al contrario, questa domanda apre uno squarcio nell’attuale concezione biomedica della salute e della malattia, visione alla base del sistema sanitario di ogni paese: un sistema di cura scientifico, iper-specializzato e iper-tecnico, ma frammentato e metodologicamente incapace di arrivare ad una visione di insieme che metta realmente a fuoco le condizioni pratiche, effettive, in cui vivono e si ammalano le persone, condizioni che co-determinano la comparsa e lo […]

Prendersi cura della persona o della malattia? I limiti del paradigma biomedico



Intervista a Stefano Marchese, Psicologo e Psicoterapeuta docente dell’IPRA, sul tema della tossicodipendenza e della cura declinata secondo la prospettiva della psicologia cognitiva post-razionalista.   Chi sono le persone ‘nascoste’ dietro l’etichetta di tossicodipendente? Innanzitutto mi preme dire che un lavoro sensato sulla cura, deve basarsi su una necessaria e preliminare riconfigurazione e ricollocazione delle parole e dei concetti usati. La parola tossicodipendenza racchiude, secondo il metodo della generalizzazione e della categorizzazione, un certo numero di persone che sono accomunate dall’assunzione di sostanze stupefacenti e per questo sono inserite nei manuali diagnostici e nei servizi per le tossicodipendenze. Ora il punto […]

TOSSICODIPENDENZA: IL CONSUMO NON VA SPIEGATO, MA COMPRESO