42 anni in manicomio. L’esperienza di Alberto Paolini

42 anni in manicomio. L’esperienza di Alberto Paolini

Nato a Roma nel 1932 e restato presto orfano, Alberto Paolini cresce in un collegio religioso ed è avviato alla professione di sarto. Viene ricoverato a 14 anni al Santa Maria della Pietà, dove svolge attività in tipografia, in biblioteca e come disegnatore negli uffici dell’Ospedale, ma subisce anche l’elettrochoc e la somministrazione di numerosi farmaci. Ricorda il succedersi dei medici alla direzione dell’Ospedale, i progressivi cambiamenti nella gestione e nel rapporti fra personale e pazienti, la presenza di studenti, attivisti e personalità del mondo della cultura impegnati per le riforme. Uscirà nel 1990. Oggi vive in una casa supportata, seguita da operatori sanitari.
L’abbiamo intervistato in occasione dell’anniversario della legge 180 e ci siamo fatti raccontare la sua esperienza e il suo punto di vista sulla salute mentale.

Per conoscere meglio e approfondire la biografia di Alberto, clicca qui per vedere la video-intervista realizzata dal Ministero della Cultura.

Intervista tratta dallo Speciale ‘Maratona Salute Mentale’ realizzata con Larghe Vedute, il network delle radioweb della Mente

Please follow and like us:
Pin Share